|
info@senmartin.net
Federico Inticu e il suo Barber Shop

Il suo destino era “fare il barbiere”: la storia di Federico Inticu

by Antonio Sagliano |19 luglio 2017 |0 Comments | Storie di barbieri vincenti

Sono sempre stato affascinato da tutto quello che riguarda la Barberia.
Tanti anni fa ho valutato la possibilità di avvicinarmi a questo mestiere, ma non era un buon periodo per assumere personale; tra l’altro non mi era mai stato detto che ci fosse la possibilità di frequentare una scuola per parrucchieri!

Un altro lavoro

All’età di 18 anni mi è stato proposto un contratto a tempo indeterminato per un altro tipo di lavoro e in quel momento il sogno di fare il barbiere si allontana.
In questi 8 anni di lavoro ho avuto molte soddisfazioni: sono riuscito a teminare la scuola diplomandomi, diciamo che non mi sono mai fatto mancare nulla, ma come tutte le cose belle arriva il periodo buio.

Ad un certo punto il lavoro comincia a calare, e mi sono reso conto che continuando per quella strada non sarei cresciuto professionalmente.

Voglio fare il barbiere!

Federico InticuNel 2013 decido di svoltare: abbandono quel lavoro per iscrivermi ad una scuola professionale!
Già da subito la mia intenzione era di aprire una Barberia in vecchio stile.
Affascinato dal suono delle forbici, dai profumi del talco, della schiuma da barba, durante il giorno frequentavo il corso e mi allenavo nella cantina di casa mia.

Durante i tre anni di corso ho cercato di andare a lavorare in qualche salone ma ho avuto sempre risposte negative.
Per questo ho deciso di investire con ulteriori corsi di formazione in diverse città.
Approfittavo, anche durante i viaggi di piacere, per andare a tagliarmi i capelli, anche all’estero, per osservare i  modi di lavorare degli altri barbieri, per vedere gli arredi, e rubare il più possibile con gli occhi i trucchi del mestiere!

Come mi ha aiutato Sen Martin

Una volta finito il corso, ho deciso subito di muovermi per l’apertura del locale, ed è lì che mi sono affidato a Sen Martin che mi ha seguito passo passo dalla progettazione in 3D fino alla realizzazione completa del mio Barber Shop.

Freddy's Barber ShopSen Martin per me è stata la scelta vincente!
Inizialmente avevo paura di affrontare una grossa spesa, stavo partendo da zero, e non si trattava di rinnovare il locale ma di crearlo da zero!

Ho visto per la prima volta gli arredi Sen Martin al Barber Match 2015 e poi al Cosmoprof nel 2016.
Il supporto di Pierluigi Favia inoltre è stato fondamentale: riusciva a dare una risposta anche alle mie domande più inutili e non mi ha mai abbandonato in tutto questo tempo!
Scopri tutte le foto del Freddy’s Barber Shop >

Inaugurazione Freddy’s Barber Shop

Grazie a Sen Martin ho avuto modo di curare l’immagine del mio salone creando qualcosa di unico, così il 31 gennaio scorso ho inaugurato il Freddy’s barber Shop!

Federico Inticu nel suo Barber ShopPensate che appena ho tagliato il nastro ha iniziato a piovere, e nonostante la brutta giornata il salone si è riempito di amici, colleghi, curiosi che attratti dalle luci dell’insegna e dall’effetto del Barber Pole sono venuti a vedere il mio Barber Shop!

Devo dirvi la verità: il primo giorno dopo l’inaugurazione ero un po’ preoccupato, perché l’agenda degli appuntamenti per tutta la settimana era piena solamente per la sera… invece al mio arrivo in salone c’era già qualcuno che aspettava fuori per essere servito e lo stesso giorno ho riempito subito anche le successive mattine!

Altri clienti mi hanno confidato che sentivano parlare di me e aspettavano impazienti l’apertura del salone!

Federico Inticu nel Freddy's Barber ShopA distanza di 6 mesi la clientela è cresciuta molto grazie all’immagine della mia barberia e a dei servizi particolari che mi hanno permesso di attirare anche clienti dal circondario, compresa Cagliari che dista 30 km!

Oggi mi servirebbero giornate di 48 ore per riuscire ad accontentare tutti, per questo sto già pensando alla formazione di un ragazzo per poter occupare la poltrona accanto alla mia.

Cosa voglio dirvi con questo?
Che nulla è impossibile. Se uno vuole ottenere veramente qualcosa, alla fine ci riesce! Mi sono creato un lavoro in una piccola realtà di 7000 abitanti, conquistando tutte le fasce di età!

Oggi sono diventato qualcuno: sono il titolare del Freddy’s barber Shop, ed è bello che la gente parli bene di me, del mio lavoro e del mio salone.
Io ci ho messo la professionalità e la manualità e tutti i miei sacrifici stanno portando i loro frutti.

In fondo non c’è cosa migliore di vedere un cliente uscire soddisfatto dal tuo Barber Shop, non è vero?

CONTATTA SEN MARTIN AL 371 348 1074

Autore:

Federico Inticu
Barber & cliente Sen Martin

La storia di Daniele Anatolio

La storia di Daniele: il barbiere che “spilla birra” per i suoi clienti

by Antonio Sagliano |11 luglio 2017 |1 Comments | Storie di barbieri vincenti

L’amore per questo lavoro nasce all’età di 16 anni: iniziai la scuola regionale di acconciatore un po’ per gioco, un po’ perché a questa età ancora non si sa bene cosa si vuole dalla vita!

Gli inizi nel femminile

Quindi decisi di cominciare questa avventura nel mondo del femminile, dove quasi da subito capii che era il mestiere che avrei voluto fare per tutta la mia vita!
Fu proprio una bella sensazione, direi indescrivibile: mi bastava avere una forbice ed un pettine ed entravo in un mondo meraviglioso in cui c’era solo io e loro, i miei attrezzi del mestiere.

Ancora adesso mentre lavoro è come se riuscissi ad entrare in sintonia con i i miei attrezzi, come se gli parlassi:  ogni taglio che faccio è sempre una forte emozione per me!
Ritornando un po’ indietro, quindi, sapevo di aver trovato quello che volevo fare nella vita.

Dal femminile al maschile

Daniele Anatolio taglia i capelliDopo un paio di anni mi accorsi che il taglio maschile mi affascinava di più, mi dava quell’emozione in più che il femminile non riusciva a darmi.
Vedevo che nel taglio maschile mi immergevo di più, mi attirava sempre di più, ma soprattutto mi dava più soddisfazione, quindi decisi di cominciare a seguire dei corsi da barbiere e di specializzarmi per diventare un barber di successo.

Cominciai a fare corsi qui in Italia e qualcuno anche all estero! E dopo 10 anni di lavoro insieme a delle persone d’oro che ancora oggi ringrazio, ho deciso di aprire finalmente il mio barber shop… il barber shop che tanto sognavo lo immaginavo esattamente così e grazie a Sen Martin, a Pierluigi Favia e all’architetto Massimo Mastrapasqua sono riuscito ad avverare tutto questo!

Arredo Sen MartinIl mio progetto con Sen Martin

Prima di conoscere Sen Martin il mio dubbio era se mai avrei trovato un arredo che si differenziasse dagli altri per non essere uguale a tutti, dopodiché, dopo varie ricerche, ho conosciuto loro ed è stato come amore a prima vista!

Sen Martin è riuscita a darmi la qualità e là professionalità che cercavo, oltre che il continuo supporto per il mio progetto da parte di tutto lo staff!
Stile Barber ShopL’arredo Sen Martin colpisce subito il cuore dei clienti, anche grazie all’esclusivo Barber Beer, il mobile con lo spillatore di birra con il quale mi differenzio molto dalla concorrenza offrendo ai miei clienti dell’ottima birra fresca e “artigianale” per rendere piacevole la loro attesa e la loro permanenza nel mio locale!

Grazie a questo servizio posso anche organizzare degli apericena, difatti sta facendo parlare molto di me in paese, il che mi ha portato nuovi clienti che si dimostrano sempre molto soddisfatti per ció che abbiamo creato!
Insomma risceglierei Sen Martin altre 100 volte!

Clicca qui e guarda le foto del mio Barber Shop >

La mia vita professionale e personale è migliorata tantissimo perchè finalmente ho il salone che ho sempre sognato e che ora cresce a gonfie vele!
Consiglio Sen Martin a tutti perchè rappresenta il TOP nel mondo dell’arredo per Barber Shop!
Ora ho una famiglia bellissima, un lavoro fantastico, un negozio meraviglioso ed un team che spacca e ringrazio anche i miei ragazzi che mettono il cuore in quello che fanno!

Il mio motto:

“volere è potere”

Non smettete mai di rincorrere i vostri sogni, non vale la pena vivere senza sognare e se ci credete i sogni possono avverarsi come è successo a me!

P.S. Se ti è piaciuto questo post, ti chiedo di condividerlo con i tuoi colleghi, ma sopratutto ti chiedo di scrivermi un tuo commento, una tua esperienza che vorresti condividere con me o semplicemente il tuo punto di vista su questa storia.

Daniele Anatolio barbiere

Autore:

Daniele Anatolio
Barber & cliente Sen Martin

Suite Barber Shop in Hotel

Arrivano le “Suite Barber Shop” negli Hotel: un nuovo business che fa tendenza!

by Antonio Sagliano |7 giugno 2017 |0 Comments | Nuovi business

Il settore alberghiero investe nelle suite Barber Shop: è scoppiato un nuovo business che fa tendenza!

Ma cosa sta accadendo precisamente nel mondo del Barber Shop?
Recentemente si sono riaccesi i riflettori sull’antico settore della barberia italiana: è il mestiere del momento!
Si moltiplicano, nelle grandi e piccole città, nuove aperture di lussuose barberie dove la cultura dei barber shop nordamericani incontra l’atmosfera unica delle sale da barba siciliane.

La crescita del Barber Shop negli ultimi anni

Dal 2013 a oggi, il numero di barber shop in Italia è aumentato del 70% e i professionisti del settore investono sempre più in questa nuova direzione.
Nel 2015 il settore uomo ha generato circa il 30% del fatturato globale della bellezza, con ben 163 milioni circa spesi per saponi e prodotti per la barba e 350 milioni per profumi e fragranze, con un aumento del 2,7% rispetto all’anno precedente e con una previsione di aumento superiore all’ 8% fino al 2017.

Il fenomeno barberia, anche nel 2017, non tende ad affievolirsi, ma evolve in forme nuove e più sofisticate, a cominciare dalla cura, che diventa un’esperienza gratificante e raffinata grazie a nuovi prodotti come gel di definizione, balsami, butter ammorbidenti e detergenti specifici di altissima qualità che introducono nuovi gesti nel grooming, accanto alla tradizionale rasatura e ai sempre più bravi barbers disseminati in tutta Italia.

Il barbiere torna dunque a essere uno dei migliori amici dell’uomo, che fa riscoprire una tradizione italiana importante che oggi sta valorizzando nuovi spazi.

Suite Barber Shop negli Hotel

La nuova tendenza del Barber Shop, in arrivo dagli Stati Uniti, sta spingendo molti imprenditori Italiani ad investire in questo settore: dopo Antonio Percassi, noto imprenditore e presidente della società calcistica Atalanta, che è partito con con il progetto WOMO/Bullfrog aprendo a Milano uno store condiviso con un barber shop in stile anni 30, anche il settore degli Hotel lussuosi e quello delle navi da crociera si avvicinano a questo mondo.

Dichiara Pierluigi Favia, titolare della Sen Martin – azienda leader in Italia nell’arredo per Barber Shop:

Pierluigi Favia“Uno dei primi hotel in Italia ad investire in questo nuovo business è stato l’Hotel Cala Caterina in Sardegna, ed il vero successo è stato proprio quello di aver creato al suo interno una moderna Suite Barber Shop dal cuore vintage, modellando un ambiente dedicato all’uomo estremamente affascinante e suggestivo.”

L’intuizione ad investire in questo nuovo business è stata dell’imprenditore Sandro Dal Ferro, sempre attento alle nuove tendenze nel mondo turistico alberghiero, e da sempre convinto estimatore e creatore del brand “Italian Hotels Collection” per l’Hotellerie made in Italy:

“Nella nostra filosofia di hotellerie, il servizio all’ospite e la cura del dettaglio sono la priorità assoluta: il servizio Suite Barber Shop vuole essere il completamento di un pensiero rivolto al mondo maschile, anche in virtù di una maestria tipicamente italiana.
Siamo convinti che questa iniziativa sia un valore aggiunto nel “customer satisfaction”, e contribuirà ad incrementare il business e a far crescere il brand.
La curiosità di farsi una coccola d’altri tempi è tanta, cosi come la soddisfazione dopo aver ricevuto le attenzioni della nostra barber Fatima.
Questo nuovo modo di prenderci cura dei clienti sta facendo parlare molto, tanto che altri hotel nella nostra regione stanno investendo nelle suite barber shop.”

È scoppiato un nuovo business che fa tendenza.

Scopri nel dettaglio l’arredo Sen Martin

Contattaci per una consulenza: 
Cell. 371 348 1074

Pierluigi Favia

Autore:

Pierluigi Favia
fondatore Sen Martin

Co-Autore:

Sandro Dal Ferro
imprenditore

Hiro che lavora

Hiro raddoppia e sbarca nel centro della capitale della moda: Milano

by Antonio Sagliano |31 maggio 2017 |0 Comments | Storie di barbieri vincenti

La Barbieria di Milano: questo è il nome del luogo di culto dove ogni uomo e molti barbieri in Italia sognano di entrarci almeno una volta nella loro vita.
Conosciuta da tempo come Hiro Barber Shop, lo scorso anno cambia nome.
Questa scelta è data dal pensiero di differenziarsi, infatti il cambio del nome è avvenuto dopo lo tsunami che ha visto aprire in Italia centinaia di negozi a marchio “Barber Shop” (del quale Hiro si dichiara orgoglioso).

Arredo Hiro La barbieria di MilanoSi trasforma solo l’insegna, ma il luogo e la filosofia sono sempre gli stessi, dunque addio Barber Shop e benvenuta La Barbieria di Milano!

Fondamentalmente il significato letterario è lo stesso, ciò che cambia è il fatto di aver ricreato interesse nell’italianità di questo mestiere che, per troppi anni, è stato spinto e valorizzato più all’estero che in casa madre.
Ed è proprio per la continua crescita ricca di novità, e l’incredibile richiesta da parte del mercato maschile, che, dopo 15 anni di attività a Buccinasco, Hiro ha deciso di raddoppiare portando il suo concetto, il suo “format”, la sua visione per questo mestiere e la sua immagine anche a Milano, nel centro della capitale della moda, in piena zona Ticinese alle spalle della Basilica di san Lorenzo.

La nuova barbieria di Hiro

Contenuti che stai per leggere:

1. L’arredo

2. Il sogno di Hiro

3. Ma è davvero cosi facile aprire una barberia?

1. L’arredo

L’arredo, completamente realizzato in legno massello da Sen Martin, punta a valorizzare l’artigianato, la maestria, la tradizione e la qualità del made in Italy.

La scelta di investire molto sulla qualità dell’arredo, e sull’immagine del locale, è il grande punto di forza de La Barbieria di Milano.
Scopri di più sull’arredo Sen Martin >

Il suo sogno è sempre stato quello di donare un’eterna emozione all’uomo, riportandolo in un tempo ed in luogo dedicato esclusivamente a lui, dove il profumo del dopobarba è il padrone del magico momento.

L’insieme di tutto ciò può somigliare un po’ ad una favola, e non ci allontaniamo troppo da questo concetto perché questo, indiscutibilmente, era un sogno… il sogno di Hiro.

2. Il sogno di Hiro

Il sogno di Hiro che, vista la sua popolarità conquistata negli ultimi anni nel settore, è diventato il sogno di tantissimi suoi colleghi giovani e meno giovani.

Proprio per questo Hiro, nell’ultimo anno, affidandosi a collaborazioni eccellenti che girano intorno allo sviluppo di un’apertura, dall’arredo ai prodotti fino alla formazione, sta girando tra Italia e il resto del mondo ad avviare le barbierie di giovani che vogliono costruire il proprio futuro, e di imprenditori che vogliono investire in questo settore, oltre che di realtà già attive da anni che hanno voglia di svoltare ed alzare il livello del proprio negozio.

Hiro e il suo staffQuindi Hiro, dopo aver per anni tentato e in buona parte essere riuscito a ricreare interesse per un mestiere che poteva sembrare “dimenticato”, che in realtà dimenticato non era, parte con un “nuovo” progetto che vedrà La Barbieria di Milano al centro di quella che, a detta di tutti, è la città dalla quale il mondo prende spunto per sviluppare idee innovative nel campo della moda.

Si, moda, quella parola che non molto piace ad Hiro quando viene accostata al mestiere del Barbiere, ma che in tutto il mondo è sinonimo di Milano.

A quanto pare il messaggio è chiaro: quello che poteva sembrare all’apparenza un lavoro ed un mestiere ormai in via di estinzione, sta ridando speranze a molti nuovi imprenditori che, visti i risultati ottenuti in quel di Buccinasco, stanno aprendo nuovi canali e negozi con l’obiettivo del business.

3. Ma è davvero così facile aprire una barberia?

A quanto pare non è facile aprire una barberia.
Senza un seria preparazione e formazione alle spalle che ti possa garantire di poter accogliere e accontentare tutte quelle che sono ormai le richieste del mercato maschile, si rischia seriamente di tornare indietro anziché andare avanti.

Collaboratori di Hiro

Per questo è il momento di credere fortemente in questo settore in crescita esponenziale continua, ma in modo etico e corretto dove la qualità superi abbondantemente la quantità per non rischiare di tornare in poco tempo nel dimenticatoio che ha visto protagonisti i tantissimi barbieri ancora esistenti in Italia negli ultimi 30 anni.

Per questo motivo, in questo particolare periodo storico, il mestiere del barbiere è assolutamente un’enorme opportunità per i giovani che possono intraprendere questa strada attraverso le giuste vie di percorrenza, per vedere roseo quel futuro che, ad oggi in Italia, tanti descrivono come “crisi”.

“Fai del tuo locale un capolavoro”

Pierluigi Favia.

P.S. Se ti è piaciuto questo articolo, ti chiedo di condividerlo con i tuoi colleghi, ma sopratutto ti chiedo di scrivermi un tuo commento, una tua esperienza che vorresti condividere con me o semplicemente il tuo punto di vista su questo argomento.

Pierluigi Favia

Autore:

Pierluigi Favia
fondatore Sen Martin

arredo barber shop luxury

Come trasformare un vecchio locale nel Barber Shop più prestigioso della tua città [Guida]

by Antonio Sagliano |22 maggio 2017 |0 Comments | Marketing del barbiere

Da qualche anno, ormai, il concetto di Barber Shop si è diffuso un po’ ovunque su tutto il territorio Italiano, ma é probabile che per qualcuno ancora non é chiaro di cosa si tratti.

Non basta mettere un Barber Pole come insegna, una scritta Barber Shop sulla vetrina e una musica blues per rendere realmente accogliente uno spazio come questo, per questo abbiamo deciso di rivelarti quali sono i 3 STEP per crearne uno davvero all’altezza.

Quello di cui vi vogliamo parlare questa settimana riguarda la trasformazione di vecchi esercizi commerciali in Barber Shop moderni ed accoglienti, dal cuore vintage, dove passato e presente si fondono per dar luogo a pure emozioni.
Molti giovani barbieri, quando sono in cerca della location perfetta per avviare la loro attività, spesso hanno bisogno di idee e consigli progettuali su come scegliere il locale giusto per creare un nuovo Barber Shop.

I 3 step per creare un Barber Shop di successo

Sommario dei contenuti

1. Caratteristiche e dimensioni del locale

2. Caratteristiche estetiche del locale

3. Scegliere un arredamento di qualità

1. Caratteristiche e dimensioni del locale

  • Posizione urbana centrale: è preferibile un affaccio su strada dalla forte affluenza pedonale;
  • Preferibilmente all’interno di un edificio avente un forte connotato architettonico (edificio storico, esteticamente rilevante, ecc.);
  • Posizionato preferibilmente al piano terra (o al piano nobile di un edificio storico)
  • Dimensioni ottimali del locale di circa 30-35 mq (servizi esclusi);
  • Vetrina quanto più possibile a giorno e che permetta di intravedere il più possibile l’interno del locale;
  • La posizione ottimale è quella angolare, all’incrocio di due strade;
  • Locali dove ci sono già vecchie barberie e in procinto di abbandonare (per pensionamento) l’attività;

2. Caratteristiche estetiche del locale

La pavimentazione, se non vi è già una preesistente di pregio, deve essere preferibilmente a scacchi del colore bianco-nero 15 x 15 o 20 x 20 in gres porcellanato;

Le murature devono avere le seguenti caratteristiche:

  • Boiserie di altezza 1 metro ;
  • Muro decorato a tutta altezza a fasce verticali – larghezza 15 cm – di colore grigio chiaro/grigio scuro;
  • Cornice continua perimetrale superiore modanata a chiusura della muratura;
  • Il soffitto deve essere tinteggiato di bianco o lasciato il preesistente se di pregio (cassettonato, travi in legno, volte in pietra, ecc.);
  • Bisogna ridurre all’essenziale eventuali opere in cartongesso, che possano dare un forte connotato moderno e semplicistico.

3. Scegliere un arredamento di qualità

L’arredo Sen Martin, interamente realizzato in legno da esperti ebanisti, s’ispira a un delicato gusto classico, in cui passato e presente sembrano andare oltre il proprio significato, per donarci l’eterno istante emozionale.

Questa tipologia di arredo ben rappresentata in foto, ricrea all’interno dei moderni Barber Shop quell’atmosfera e antica filosofia che pongono al centro di ogni cosa la cura e l’attenzione per il cliente.

Questa tipologia di arredo, impreziosita dalla riscoperta delle tecniche e della profonda professionalità degli antichi maestri, vuole fondere la cultura dei barber shop nordamericani con l’atmosfera unica delle sale da barba siciliane.

Puoi anche creare elementi e complementi d’arredi con qualcosa di diverso e che facciano parlare, che facciamo stupire, entusiasmare e che facciano vivere un’esperienza al cliente a tal punto da non poter farne a meno di parlarne con i suoi amici.

Prima il barbiere era inteso come un semplice luogo dove lavorare.
Oggi s’ispira a un delicato gusto classico, in cui passato e presente sembrano andare oltre il proprio significato, per donarci l’eterno istante emozionale.

Il Barber Shop Sen Martin è pura Emozione, è un ambiente dedicato all’uomo estremamente affascinante e suggestivo.

Vuoi conoscere nel dettaglio l’arredo Sen Martin?
Guarda le nostre postazioni lavoro e le offerte salone completo

“Fai del tuo locale un capolavoro”

Pierluigi Favia.

P.S. Se ti è piaciuto questo articolo, ti chiedo di condividerlo con i tuoi colleghi, ma sopratutto ti chiedo di scrivermi un tuo commento, una tua esperienza che vorresti condividere con me o semplicemente il tuo punto di vista su questo argomento.

Pierluigi Favia

Autore:

Pierluigi Favia
fondatore Sen Martin

disegno barbiere nel barber shop

Da “garzone” a “barbiere vincente”: la storia di Claudio Gilberti

by Antonio Sagliano |3 aprile 2017 |0 Comments | Storie di barbieri vincenti

C’erano una volta un uomo e un bambino, esattamente erano un nonno e un nipote, questo nonno stava ore a farsi pettinare dal nipote che, ancora senza saperlo, probabilmente aveva nel DNA il mestiere del barbiere.

Mio nonno (come credo tutti i nonni), con me (forse perché il primo nipote) aveva una pazienza infinita per stare ore seduto su di una seggiola a farsi “torturare” da me che lo pettinavo talmente tanto che probabilmente gli irritavo persino la cute.
Sant’uomo mio nonno.

Poi passa il tempo e si cresce fino ad arrivare al termine della terza media, e lì non so dirti per quale caso, vuoi che di studiare avevo poca voglia, vuoi il destino, vuoi un’illuminazione, vuoi che forse era la mia strada, ho deciso che avrei fatto il barbiere.

I primi passi da Garzone e la scuola di formazione

Pochi mesi dopo il termine della scuola media, eccomi che mi ritrovo a fare il garzone in un piccolo negozio di paese.

Lì i primi approcci a questo lavoro, le prime nozioni, e poco dopo l’iscrizione alla scuola; la famosa ANAM.

Con l’inizio della scuola il bisogno di mettere in pratica aumentava e nel piccolo negozio di paese lo spazio era limitato: due poltrone entrambe assegnate ai due barbieri titolari del negozio.

Caso vuole, anche se il caso credo non esista, dopo pochi mesi dall’inizio della scuola, uno dei miei maestri mi dice che un negozio importante della città è in cerca di un apprendista.

Pochi giorni dopo mi presento in questo salone e mi propongo. Insomma, per farla breve, nel giro di una settimana mi trovo catapultato in una realtà totalmente diversa, in un ambiente di livello altissimo, uno dei più rinomati di Brescia, pensa che già all’apertura agli inizi degli anni 70 questo negozio metteva a disposizione dei clienti il servizio di manicure.

Qui da garzone, con il tempo, e soprattutto con la guida di quello che definisco il mio Grande Maestro e Mentore, mi trasformo pian piano in un professionista del mestiere.

Parlavo poco e ascoltavo tanto, motivato da una sincera curiosità di imparare cose nuove dei più svariati argomenti che venivano quotidianamente affrontati in quel ambiente esclusivo.

Da garzone a socio di una barberia

Come ben saprete, gli anni trascorrono in fretta e, dopo 8 anni da quando ho iniziato la mia avventura in questo negozio, mi viene fatta la proposta di entrare in società.
Il mio Grande Maestro andava in pensione e quindi nacque la possibilità per me di un’ulteriore crescita professionale e personale.

Rimango socio per 7 anni, nei quali la mia professionalità e la mia personalità cambiano e si rafforzano, tanto da farmi desiderare una nuova esperienza professionale.

Quindi mi rendo conto che la mia esperienza in quel ambiente è ormai conclusa, e con coraggio nel 2002 prendo la decisione di aprire un negozio tutto mio.

La crisi e la rinascita

il barbiere Claudio Gilberti taglia i capelliSpinto da un nuovo entusiasmo mi butto nella nuova avventura, rilevando un negozio in via di chiusura, lo ri-arredo, e parto nel mio nuovo progetto.

Poi 3 anni fa una profonda crisi personale mi stava spingendo a rivedere tutta la mia vita, e ti confido che stavo anche decidendo di abbandonare il mestiere del barbiere, per il quale avevo perso l’entusiasmo, per trasferirmi all’estero.

Nel frattempo il lavoro del barbiere riprende smalto, la mia innata curiosità mi porta a confrontarmi con colleghi e qui scatta nuovamente la scintilla e vado alla ricerca della svolta.

Questa svolta la incontro online, attraverso delle immagini di alcune barberie, con arredi stupendi che mi lasciano folgorato.
Guardateli anche voi cliccando qui > Realizzazioni Sen Martin

L’incontro con Pierluigi Favia e la scelta Sen Martin

Vado alla ricerca dei produttori di questi arredi e atterro nella dimensione Sen Martin, da qui i primi contatti con Pierluigi Favia, prima tramite e-mail e poi telefonicamente.

Chiacchieriamo tanto, abbiamo molte cose in comune: la passione per il lavoro del barbiere, quella per la formazione, e alla fine decido di rilanciare la mia attività, facendomi accompagnare completamente da Sen Martin e dalla sua eccezzionale offerta di arredi per Barber Shop.

Arredo Barber Shop Non solo barbaInsomma, se dovevo cambiare doveva essere in toto e per il meglio, quindi cambio arredo e scelgo il migliore che c’è sul mercato: Sen Martin; cambio il brand che da “Studio Claudio” trasformo in “Barber Shop – Nonsolobarba”, cambio il marketing, e sopratutto cambio il mio approccio al lavoro.

Ora, a distanza di 11 mesi dal rifacimento del negozio, vi posso dire che la mia scelta è stata più che azzeccata, e la riprova sono i grandi risultati in termini di nuova clientela e soddisfazioni!

E per concludere uso una frase di Antony Robbins a me tanto cara:

“È nel momento delle decisioni che si plasma il tuo destino.”

Ho deciso di essere un Barbiere Vincente.

Grazie per aver letto fino a qui.

P.S. Se ti è piaciuto questo post, ti chiedo di condividerlo con i tuoi colleghi, ma sopratutto ti chiedo di scrivermi un tuo commento, una tua esperienza che vorresti condividere con me o semplicemente il tuo punto di vista su questa storia.

Claudio Gilberti barbiere

Autore:

Claudio Gilberti
Barber & cliente Sen Martin

Hair Tattoo fiore di JeanPierre Giacobbe

Perchè si sta parlando così tanto in Italia di Hair Tattoo?

by Antonio Sagliano |28 marzo 2017 |0 Comments | Marketing del barbiere

E per quale motivo i parrucchieri e i barbieri stanno inserendo il nuovo servizio Hair Tattoo?

Come ben sappiamo, a volte, un drastico cambiamento nella nostra vita ci porta a desiderare un nuovo look, un nuovo taglio di capelli, un nuovo colore, o a volte sentiamo semplicemente l’esigenza di mostrarci in modo differente ed originale.
Bene!

Per chi ha voglia di osare, di spingersi oltre, di avere un look dal sapore rock, le nuove tendenze e mode si spingono sempre più sull’Hair Tattoo, nient’altro che disegni geometrici, tribali, o semplici stelle e fulmini solitamente disegnati a colpi di macchinette sulla zona superiore della nuca che potrebbero tranquillamente essere nascosti dal resto dei capelli lasciati lunghi.
Quindi, sopratutto per le donne, potrà essere mostrato solo quando e a chi vogliono.

L’hair tattoo è molto richiesto anche dai più piccoli e da chi ama i tatuaggi ma non è sicuro di volerlo per sempre.
Infatti, il mago dell’Hair Tatto in Italia, JeanPierre Giacobbe, ama definirli in questo modo:

“Hair Tattoo- l’arte che svanisce”

Entriamo nello specifico e facciamo delle domande dirette e provocatorie proprio a JP che con la Sen Martin Academy propone corsi ai Barbieri e parrucchieri che desiderano imparare e proporre ai propri clienti questa arte e questo nuovo servizio.

Hair Tattoo tigre di JeanPierre Giacobbe

[Domanda]
Ma io non so disegnare, come faccio a fare un Hair tattoo?

JeanPierre Giacobbe:

Buongiorno!
Questa è una delle domande più frequenti alle quali rispondo a tutti i corsisti e a chiunque voglia avvicinarsi al mondo dell’Hair tattoo.
Posso fartela io una domanda?
Quando sei nato, sapevi già scrivere?
Credo proprio di no!
Pian piano, con i maestri giusti, con la scuola giusta, hai imparato, giusto?
Bene!
E’ la stessa cosa con l’hair tattoo.
Corsi Hair Tattoo Sen Martin academy con JeanPierre GiacobbeCon questo non sto dicendo che diventerai un grandissimo disegnatore, ma posso garantirti che con piccoli e semplici step potrai imparare metodi e tecniche per realizzare inizialmente disegni semplici come linee, stelle, fulmini e pian piano, con esercizio e metodo potrai anche iniziare a disegnare tribali e figure geometriche più o meno complesse.

Posso dunque rassicurarti e confermarti che anche se non sai disegnare, con il nostro corso base, studiato proprio per chi, come te, non sa disegnare, potrai apprendere e mettere subito in pratica le tecniche base per iniziare a divertirti e soddisfare i tuoi clienti.

[Domanda]
Quindi mi stai dicendo che a questo corso puó partecipare anche chi non sa disegnare e che… a fine giornata sará in grado di fare linee, fulmini e stelle?

JeanPierre Giacobbe:
Esatto!
Anzi, se il barbiere o parrucchiere che partecipa al corso non ha mai disegnato è ancora meglio, perché saprà ascoltare di più, si impegnerà di più e per me è una grande soddisfazione vederli a fine serata contenti e pronti per disegnare.

[Domanda]
Si perde troppo tempo a fare un hair tattoo e i clienti non te lo pagano per il giusto valore, non è vero?

JeanPierre Giacobbe:
Una perdita di tempo…
non pagato per il giusto lavoro…
se lo guardi dal punto di vista immediato potrei darti anche ragione…
Ora prova a spostare il tuo focus, e prova a vederlo come se fosse un piccolo investimento e non una perdita di tempo.

Sai che la cosa migliore è offrire questo servizio gratuitamente?
Penserai che è folle, vero?

In realtà il potenziale della pubblicità che può farti un Hair Tattoo è potentissimo e molto efficace.
Prova ad immaginare un ragazzino che va a scuola con una piccola stella disegnata, o che va a giocare a calcetto con un piccolo fulmine, secondo te gli altri ragazzini non gli chiederanno dove l’ha fatto?
Ti immagini quante persone parleranno di te e del tuo negozio?

Prova a dare un qualcosa di più di altri negozi del tuo paese o città!
Prova a fare la differenza e posso garantirti che in pochissimo tempo diventerai un punto di riferimento per tutti quei ragazzini che vogliono un taglio di capelli con Hair Tattoo… e ricorda che il 75% dei bambini ha genitori con i capelli 😉
Piccoli disegni veloci che ti creeranno un’immagine di te diversa!
Tutto questo e molto di più lo spiegherò al mio corso, dove ti svelerò tutti i passaggi per creare un disegno e come farti pubblicita “perdendo” 5/10 minuti del tuo tempo.
Inoltre ti spiegherò come utilizzare un Hair Tattoo per attrarre una nuova clientela.

Se vuoi saperne di più, clicca qui > senmartin.net/corsi

[Domanda]
Nel paesino in cui lavoro io, gli Hair Tattoo non si usano e le persone non li richiedono!

Perfetto, quindi tu saresti il primo!
Sarai il primo a lanciare una novità nella tua zona!

Ti spiego meglio.

La gente non lo richiede perchè non sa che tu lo offri come servizio, ma come tutte le cose che piacciono, basta poco perchè scoppi il boom, perchè diventi una moda!
In alcune zone d’Italia questo sta già accadendo, ma il vero problema (anzi, la vera opportunità per te!) è che sono pochi i parrucchieri e barbieri che offrono questo servizio!

Il racconto reale di chi ha frequentato il corso Hair Tattoo della Sen Martin Academy

Leonardo Muccio barbiere

Leonardo Muccio
corsista Sen Martin Academy

“Ottima giornata trascorsa nel migliore dei modi, ottima compagnia, grande professionalità sia da parte del formatore JeanPierre attento alle esigenze di tutti noi, sia da parte della SEN MARTIN per quanto riguarda l’organizzazione come sempre attenta ai dettagli.
Abbiamo portato in salone qualcosa in più che ci permette di fare la differenza nella nostra città anche se con piccoli lavori, ma apprezzati specie dai più piccoli che stanno facendo parlare del nostro salone.
Colgo l’occasione per ringraziarvi tutti!”

Se vuoi cogliere questa grande occasione per dare una svolta alla tua pubblicità e al valore della tua attività, ti consiglio di iscriverti subito al primo corso Hair Tattoo disponibile offerto dalla Sen Martin Academy!

Clicca qui  per info ed iscrizioni > senmartin.net/corsi

P.S. Se ti è piaciuto questo post, ti chiedo di condividerlo con i tuoi colleghi, ma sopratutto ti chiedo di scrivermi un tuo commento, una tua esperienza che vorresti condividere con me o semplicemente il tuo punto di vista su questo argomento.

Pierluigi Favia

Autore:

Pierluigi Favia
fondatore Sen Martin

Hair Tattoo tigre di JeanPierre Giacobbe

Co-Autore:

JeanPierre Giacobbe
Barber

[Video] da barbiere artigiano ad imprenditore

[Video] Da barbiere artigiano ad imprenditore

by Antonio Sagliano |6 febbraio 2017 |0 Comments | Marketing del barbiere

Utilizzi il giusto metodo di comunicazione e Marketing quando apri un nuovo Barber Shop?

Ascolta il Video

Se ti è piaciuto questo video, ti chiedo di condividerlo con i tuoi colleghi, ma sopratutto ti chiedo di scrivermi un tuo commento, una tua esperienza che vorresti condividere con me o semplicemente il tuo punto di vista su questo argomento.

Pierluigi Favia

Autore:

Pierluigi Favia
fondatore Sen Martin

Vignetta Barber Shop

Come arredare un Barber Shop di successo [Guida]

by Antonio Sagliano |23 gennaio 2017 |24 Comments | Marketing del barbiere

“Come arredare un Barber Shop” non deve essere solo una questione di gusto personale.
È vero, il proprio Barber Shop deve rispecchiare lo stile e l’immagine del barbiere che ci lavora, ma ATTENZIONE: bisogna seguire alcune semplici regole a livello di marketing, comunicazione e progettuali che possono far aumentare le vendite di servizi e prodotti e attrarre clienti in target.
Potrai anche pensare di avere un bel Barber Shop  (per te), ma se non è il luogo adatto per il tipo di clienti a cui punti… qui iniziano i problemi.
Lo stile dell’arredamento, i colori, la musica, i profumi, devono suscitare emozioni ai tuo clienti.
L’obiettivo della scelta dell’arredo è quello di coinvolgere il cliente, facendolo sentire così bene da fargli dire:

“È proprio il Barber Shop giusto per me!”

E questo va oltre ai prodotti, ai servizi che offri e ai prezzi.

Come arredare un barber shop di successo in 5.5 step

Sommario dei contenuti

1. Usare uno stile specifico

2. Progettazione

3. I colori

4. L’illuminazione

5. Diversificarsi

5.5 Come comunicare in modo vincente

1. Usare uno stile specifico

È il primo passo che ti aiuterà a creare la giusta ambientazione per il tuo Barber Shop.
L’arredamento può aiutarti a creare un’ambientazione in linea con lo stile e l’immagine che hai deciso di creare: questo serve per coinvolgere e dare un senso di equilibrio al tuo cliente.
Ma se non decidi in maniera chiara il contesto che vuoi creare rischierai di fare un arredamento bello, ma che non vende e non attrae perché non rispecchia quello che vuoi comunicare.

Minimal? Vintage? Classico? Moderno?

Arredare un Barber Shop con lo spillatore di birraLa scelta di come arredare un Barber Shop, sfruttando la tua identità, dipende da cosa vuoi trasmettere.
Se usi uno stile londinese o uno stile classico comunicherai un’atmosfera molto differente, che andrà ad attirare persone differenti.
L’importante è non rimanere anonimi, quello che ti serve è differenziarti.
Ma allo stesso tempo devi riuscire a coordinare tutto con gusto.

Puoi anche creare elementi e complementi d’arredo con qualcosa di diverso e che facciano parlare, che facciano stupire, entusiasmare e che facciano vivere un’esperienza al cliente a tal punto da non poter fare a meno di parlarne con i suoi amici.
Ad esempio, noi della Sen Martin, abbiamo creato un elemento differenziante che nessun’altra azienda al mondo ha creato per i suoi clienti:
Il Barber Beer ( uno spillatore di birra alla spina integrato all’arredo ed il suggestivo Barber Wine (una vetrinetta refrigerante per vini) anche questa integrata all’arredo.

2. Progettazione

La giusta progettazione di un Barber Shop e la gestione perfetta degli spazi è determinante per avere un locale funzionale e produttivo.
Il mio più grande consiglio è quello di affidarsi a professionisti del settore, e non a rappresentanti di prodotti improvvisati o ad artigiani factotum.
Capisco che molti barbieri credono di poter risparmiare, ma ricordatevi sempre che la vostra è un’attività commerciale che deve produrre e migliorare la vostra vita professionale e personale.

Quindi è necessario studiare come disporre l’arredo, come esporre i prodotti, come posizionare il banco cassa, l’attesa, i lavaggi, le prese, l’illuminazione ecc… Questa è la parte più importante che ti aiuterà ad essere ben organizzato durante il lavoro di ogni giorno e ti faciliterà la vendita di servizi e di prodotti.
Una delle regole base da seguire, anche se non si ha molto spazio a disposizione, è quella di dividere il locale in zone ben precise.

a) Zona Accoglienza

Zona accoglienza Barber ShopQuando si entra in Barber Shop il primo punto di riferimento per il cliente deve essere il banco cassa con alle spalle una ricca esposizione di prodotti; subito dopo dobbiamo avere la zona attesa ed il guardaroba.
Quindi la prima parte del Barber Shop la progettiamo includendo tutti i servizi che riguardano l’accoglienza in modo che non abbiamo passaggio di clienti nella zona lavoro.

b) Zona Lavoro

E’ molto importante che la zona lavoro del Barber Shop sia separata dalla zona accoglienza in modo che possiamo offrire servizi personalizzati ai clienti senza che vengano distratti da chi è in attesa.
Questa è una zona molto importante dove dobbiamo gestire gli spazi con movimenti ampi, comodi, e dove va ottimizzato ogni centimetro del locale per avere una massima funzionalità e comodità nel lavoro.
In questa zona è di estrema importanza l’illuminazione, quindi bisogna evitare zone d’ombra e bisogna scegliere una giusta illuminazione che non alteri i colori dei capelli.

c) Zona Lavaggi

Solitamente la zona dei lavaggi è consigliabile crearla nell’ultima parte del tuo Barber Shop, per garantire al cliente un momento di assoluto relax in modo che possa essere mentalmente distaccato dai movimenti e rumori dei phon e macchinette.
Questa è una zona molto importante dove possiamo creare un’ambientazione più calda e un’atmosfera più emozionale.

d) Zona Servizi

Infine, sempre se il locale lo permette, in prossimità della zona lavaggi, è giusto creare la zona dedicata ai servizi, quindi al bagno, antibagno, deposito e area staff.

Questa è una piccola ed efficace regola che utilizziamo quando progettiamo Barber Shop, unita a tantissimi anni di esperienza nel settore, e unita a molte altre regole progettuali e di marketing che garantiscono al barbiere un lavoro comodo, spazi funzionali, organizzazione perfetta del lavoro, ma sopratutto garantiscono la possibilità di essere un barbiere che possa vendere anche servizi e prodotti.

Se desideri approfondire questo discorso o sei un barbiere che sta pensando di arredare un Barber Shop, forse è meglio che, prima di spendere migliaia di euro per arredarlo senza conoscenze, ti confronti con i nostri architetti sempre pronti ad aiutarti e a darti consigli estremamente utili.
Per contattarli, clicca qui: Contatti Sen Martin.

3. I colori

Il colore trasmette una certa energia, che viene percepita dalle persone. Per questo bisogna scegliere il giusto colore, in modo da trasmettere la giusta sensazione al cliente che entra nel tuo Barber Shop.
Puoi scegliere di usare il colore più adatto al negozio per dipingere una parete o per scegliere il colore degli arredi e complementi.
Pensa bene a questa parte anche in base alla grandezza del tuo negozio. Se è piccolo, il colore messo nel giusto modo ti aiuterà a farlo sembrare più grande e luminoso. Viceversa, se il tuo Barber Shop è troppo grande, saprai come farlo sembrare meno dispersivo.
Con un minimo di fantasia e idee differenzianti, puoi realizzare una parete d’impatto, sfruttando le carte da parati o pitturazioni particolari.
Se vuoi trovare molte idee su come arredare un Barber Shop, sfruttando al meglio il colore, clicca su questo link: Barber Shop realizzati da Sen Martin.

4. L’illuminazione

Illuminazione Barber ShopTi è mai capitato di vedere un gioiello in una vetrina di un negozio ben illuminato?
Quanto valore acquista?
Ti è mai capitato di vivere una giornata un pò triste e di entrare in un negozio mal illuminato?
Che sensazione provi?
Prova ad immaginare di entrare in un negozio dove trovi un ambiente illuminato a mezzo giorno?
Non senti che differenza di sensazione?
Wawww… è questa l’emozione che devi vivere quando entri in un Barber Shop ben illuminato!
Hai mai provato a lavorare su sfumature e avere zone d’ombra sulla testa del cliente?
Prova ad immaginare i tuoi occhi e il tuo fisico, che sforzo sovrumano dovrà affrontare per arrivare a fine giornata!
L’illuminazione è uno degli step più importanti quando un barbiere decide di arredare un Barber Shop.
Ci sono studi molto importanti nel determinare la gradazione ed il posizionamento dei corpi illuminati.
Noi ti consigliamo sempre di utilizzare un’illuminazione di 4.000 gradi Kelvin e di posizionare il corpo illuminante in asse perfetto con il centro della seduta della poltrona in modo tale che qualsiasi movimento tu faccia intorno alla poltrona non crea ombra sulla testa del cliente.
Per ulteriori info o chiarimenti contatta uno dei nostri architetti.

5. Diversificarsi

Qual è il vantaggio di essere differente dagli altri barbieri?
Semplicissimo!
Essere l’unico incrementerà il tuo business, aiutandoti a diventare un’autorità, una celebrità, un punto di riferimento,  garantendoti un’immagine ESCLUSIVA e UNICA!
In questo modo non sarai più percepito come uno dei tanti barbieri, ma come un PROFESSIONISTA del settore che si prende cura dei propri clienti.
Per questo noi ti consigliamo di scegliere un arredo che possa davvero fare la differenza per te e per i tuoi clienti.
So che oggi è importante risparmiare, ma ti prego…. non accontentarti del tuo locale, non accontentarti di un arredo scadente, nè di un arredo scopiazzato, nè di un arredo senza personalità nè identità. Scegli ciò che possa far parlare di te e scegli chi davvero può aiutarti a crearti un’immagine forte e vincente.

5.5 Come comunicare in modo vincente

Studia un metodo di comunicazione vincente che ti aiuti ad attrarre clienti in target.
Noi della Sen Martin abbiamo studiato un metodo di comunicazione perfetto che offriamo ai clienti che scelgono il nostro arredo, con il quale ti garantiamo che già nei primi 4 mesi di attività sarai percepito come il barbiere più prestigioso nella tua città.
Voglio svelarti solo alcuni semplici e banali punti che ogni barbiere dovrebbe conoscere ed adoperare quando apre o rinnova il suo barber shop, ma, con grande stupore, abbiamo verificato che solo il 30% dei barbieri usa questi semplicissimi metodi di comunicazione:

a) Work in Progress

Gigantografia personalizzata con scritta Work in progress utilizzata per coprire le vetrine durante i lavori di ristrutturazione.
Ma voi sapete che molti barbieri ancora oggi usano chiudere le proprie vetrine con fogli di giornale?
Cosa comunichiamo con i fogli di giornale?
NIENTE!!! Assolutamente niente!!!
Noi crediamo che sia fondamentale, ancora prima di aprire la propria attività, iniziare a far parlare di noi.
Chiunque passa in macchina o a piedi deve essere attratto dalle nostre vetrine e deve già capire chi siamo e cosa stiamo facendo.
L’immagine delle nostre gigantografie già deve parlare di noi.

b) Logo

Vi siete mai chiesti perchè il 70% dei barbieri hanno tutti i loghi uguali o simili ai propri colleghi?
Vi siete mai chiesti perchè l’85% dei barbieri si fa realizzare il proprio logo da un amico che sa utilizzare qualche programmino di grafica per scopiazzare qualche logo e non si affida al migliore grafico che c’è sul mercato per studiare un logo che rappresenti al meglio la propria immagine e il proprio stile?
Può sembrare banale, ma per diversificarsi e per affacciarsi sul mercato nel modo giusto è fondamentale avere un proprio logo che ci rappresenti al meglio.

c) Pagina Facebook

Non aspettate di aprire il vostro locale per poi iniziare a capire come fare a gestire o ad aprire una pagina Facebook per la vostra attività.
Fatelo prima!
Una pagina Facebook vi aiuterà a pubblicizzare il vostro locale, a farvi conoscere e a far parlare di voi ancora prima di essere presenti fisicamente, ma sopratutto vi aiuterà a targettizzare la vostra clientela.
Bisogna incuriosire, entusiasmare, far parlare di sè e creare aspettativa.

d) Servizio fotografico

Durante il periodo del rinnovo o dei lavori di ristorazione, fatevi seguire da un fotografo che farà scatti fotografici artistici alle opere edili che state realizzando. Questo servirà per postare su Facebook i momenti salienti della creazione del Barber Shop, in modo da incuriosire e creare aspettativa nelle persone del vostro paese.

e) Video aziendale emozionale

Bene! è tutto pronto per l’inaugurazione…. ma… manca un’ultimissima cosa ancora: Il Video!!!
A cosa serve il video?
Semplice, tramite un video avete la possibilità di parlare di voi, della vostra storia, dei servizi che offrite, potete far vedere il vostro locale, ma sopratutto avete la possibilità di far vivere un’esperienza emozionale ai vostri potenziali clienti.
Clicca sul seguente link e scopri i video emozionali che abbiamo realizzato per i tuoi colleghi: Video Barber Shop Sen Martin

f) Menu servizi

Il menù è lo strumento di vendita più importante che un ristorante ha a disposizione, e perché un barbiere non dovrebbe averlo?
Perché il barbiere deve ancora utilizzare il listino prezzi attaccato sul muro con lo scotch?
Perché il barbiere deve avere un listino prezzi che non guarda nessun cliente e che non ti aiuta a vendere?
Ogni vendita effettuata all’interno di un ristorante è effettuata, direttamente o indirettamente, dal menù stesso.
Per il barbiere sarà un nuovo, semplice e diretto metodo di vendita.
Ottimizzare il tuo menù significa ottimizzare il tuo Barbiere e le tue vendite. Lo scopo è quello di aumentare le tue marginalità fino al 25%, utilizzando un sistema testato e collaudato di menu servizi.
È importante che i tuoi clienti, al momento della scelta del servizio, siano di fronte ad una SCELTA.
Se possono scegliere, e quella scelta influisce sui tuoi guadagni, noi possiamo aiutarti ad indirizzare quella scelta verso quella più profittevole per te e per la tua azienda.
Stesso numero di servizi. Guadagni fino al 25% più.
Abbiamo testato un “Menù Vincente” tramite il quale ti dimostreremo come sia possibile aumentare considerevolmente i tuoi guadagni senza aumentare il numero di serviti, o il numero di clienti acquisiti.
Menu Vincente è il primo ed unico Menù in Italia scritto scientificamente per vendere:

  1. Realizzato da specialisti nel settore del barber shop, che conoscono il settore e le sue dinamiche, e che quindi sanno darti consigli validi in merito.
  2. Strutturato in maniera scientifica, e NON in maniera artistica o creativa, per guidare l’occhio del cliente verso alcune voci del Menù e non altre, con lo scopo di indurlo a richiedere servizi che TU vuoi che ti richiedano;
  3. Scritto da professionisti del linguaggio persuasivo orientato alla vendita, con il solo scopo di aumentare i profitti.

Ti consiglio vivamente di utilizzare questo strumento di vendita per posizionarti sul mercato nel modo corretto.
Se desideri avere maggiori informazioni sul menù vincente clicca su questo link: Contatti Sen Martin.

Tutti questi punti che abbiamo visto insieme sono solo alcuni dei metodi che utilizziamo e con l’arredo Sen Martin, e con il metodo di comunicazione Sen Martin Power, ti garantiamo che già nei primi 4 mesi di attività sarai percepito come il barbiere più prestigioso nella tua città.

Ricorda una cosa:

“Per essere insostituibili bisogna essere diversi.”

E questo vale in tutto, anche nell’arredamento che farai.

Noi della Sen Martin miglioriamo per sempre l’immagine del tuo locale.
Il nostro modo di arredare ti aiuterà a incrementare il tuo business, aiutandoti a diventare un’autorità, una celebrità, un punto di riferimento, garantendoti un’immagine ESCLUSIVA e UNICA!
Non sarai più percepito come uno dei tanti barbieri invisibili della tua città, ma come un PROFESSIONISTA del settore.
Non dovrai più lavorare nell’anonimato, la tua nuova immagine farà parlare di te, avrai una storia da raccontare, potrai finalmente essere uno specialista e attrarre a te clienti di un target preciso.
Non devi più sentirti inadeguato, non all’altezza, escluso, non devi più aver timore. Il tuo nuovo Barber Shop con l’arredo Sen Martin ti darà SUCCESSO, SERENITA’, AMORE, SICUREZZA, FIDUCIA!

  • NON VENDIAMO ARREDI PER PARRUCCHIERI O CENTRI ESTETICI
  • NON VENDIAMO TRUCCHI O COSMETICI
  • NON VENDIAMO PRODOTTI

SEN MARTIN È L’UNICA AZIENDA IN ITALIA CHE PRODUCE E REALIZZA SOLO ARREDI PER BARBER SHOP

  • NO ad arredi scadenti e poco affidabili.
  • NO all’utilizzo di arredi che si graffiano o si rovinano facilmente a contatto con prodotti aggressivi o acqua.
  • NO a ritardi nella consegna.

SEN MARTIN realizza arredi di qualità con un ALTO SENSO ESTETICO E FUNZIONALE ideale per chi ama DIFFERENZIARSI

SEN MARTIN crede nell’ARTIGIANATO e nella qualità del MADE IN ITALY

SEN MARTIN rappresenta il Made in Italy NEL MONDO

Prima il barbiere era inteso come un semplice luogo dove lavorare.
Oggi s’ispira a un delicato gusto classico, in cui passato e presente sembrano andare oltre il proprio significato, per donarci l’eterno istante emozionale.
Il Barber Shop Sen Martin è pura Emozione, è un ambiente dedicato all’uomo estremamente affascinante e suggestivo.
Il nostro mestiere è quello di essere un mezzo per riscoprire il valore delle tradizioni, della maestria, dell’artigianato e del Made in Italy.


SEN MARTIN: I primi arredi per Barber Shop in Italia

SEN MARTIN: Il Barber shop di successo


“Fai del tuo locale un capolavoro”

Pierluigi Favia.

P.S. Se ti è piaciuto questo post, ti chiedo di condividerlo con i tuoi colleghi, ma sopratutto ti chiedo di scrivermi un tuo commento, una tua esperienza che vorresti condividere con me o semplicemente il tuo punto di vista su questo argomento.

Pierluigi Favia

Autore:

Pierluigi Favia
fondatore Sen Martin

La storia di Roberto Infantino, Il Barbiere di Sicilia

by Antonio Sagliano |22 dicembre 2016 |41 Comments | Storie di barbieri vincenti

Oggi vorrei raccontarvi la storia di un barbiere che ad un certo punto della vita ha deciso di abbandonare tutte le certezze che si era costruito in una vita per……. non voglio anticiparvi nulla, ma vi consiglio vivamente di leggere ogni sua parola fino alla fine.
Questa è la storia di un Barbiere, un Barbiere da prendere come esempio, un barbiere che ha creduto e realizzato il suo sogno: Il Barbiere di Sicilia!

Un barbiere nato

“Fin da bambino sono sempre stato attratto da un antico mestiere, quello del Barbiere. Quando ero piccolo e andavo a tagliarmi i capelli, la mia attenzione era tutta volta alla gestualità del mio Barbiere: restavo incantato nel vedere come delle mani, in possesso di due soli strumenti, pettine e forbici, riuscissero a scolpire la testa dei clienti, fino a trasformarne l’aspetto iniziale… proprio come uno scultore fa con il suo blocco di marmo.

Spesso, pur di continuare ad ammirare tale arte, permettevo agli altri clienti di farsi servire prima di me, così potevo star lì ancora un po’ ad osservare quelle mani, a respirare gli odori dello shampoo, del sapone, il profumo del dopobarba; ad ascoltare il suono prodotto dallo spruzzino per bagnare i capelli.
Dopo la licenza media iniziai a frequentare una Scuola Superiore Professionale; ma in realtà, in cuor mio già sapevo, già avevo scelto quale sarebbe stata la strada da perseguire.
Avevo solo 14 anni quando incominciai come apprendista barbiere, proprio da quel mio barbiere che tanto mi aveva affascinato.

La gavetta in una barberia

Iniziò così la mia lunga gavetta da bottega.
I risultati non tardarono ad arrivare: il mio talento, la mia predisposizione era chiara a tutti.
In quei primi cinque anni imparai tanto, finché non decisi che era giunto il momento di puntare più in alto: mi proposi di lavorare nella Parrucchieria per uomo più nota della mia città.
Altri cinque anni di lavoro e passione crescente. Ancora una volta ottenni i risultati sperati: il mio datore di lavoro mi propose di metterci in società nel 1993. E così fu!
Ventuno anni insieme, una vita spesa, sì, per il lavoro, ma per una passione che mi ha dato la possibilità di crescere, viaggiare, conoscere nuovi posti e gente diversa.

Sono sposato, ho due bimbi, e due anni fa, nonostante una casa di proprietà, nonostante l’ attività in costante crescita, ho sentito la necessità di vivere un secondo tempo, di vivere nuovi stimoli lavorativi e non.
La scelta più difficile era staccarsi dalla propria terra e quella più coraggiosa lasciare la mia attività. Un’attività che mai è entrata in crisi nonostante il periodo particolarmente difficile che si vive in Italia.
Così, con mia moglie, docente di scuola superiore, abbiamo messo su il nostro progetto di vita, che ci avrebbe portato verso la creazione di un futuro diverso e probabilmente migliore per noi, ma soprattutto per i nostri figli. La forza l’abbiamo trovata proprio in loro.

Scegliemmo la Toscana, poiché, a mio avviso, lasciando la Sicilia, un buon compromesso nord-sud lo riscontravamo solo in quella regione.

Parrucchieria Unisex ad Arezzo

Nacque un contatto lavorativo ad Arezzo, in una nota Parrucchieria unisex.
Il titolare cercava un Barbiere d’esperienza che si prendesse cura della clientela maschile, sebbene non fosse poi così nutrita. Il riscontro è stato ottimo, la clientela è aumentata in breve tempo, grazie all’offerta di un servizio barba con panni caldi e il taglio capelli eseguito con pettine e forbici.
A Maggio 2016, dopo appena 18 mesi dal mio trasferimento, maturai un altro obiettivo, la scommessa nella scommessa: aprire la mia BARBERIA ad Arezzo.
Il mio progetto era quello di realizzare un ambiente che mi rappresentasse nello stile del mio lavoro. Doveva rappresentare il mio modo di fare il barbiere, un luogo dove l’uomo avrebbe trovato vari servizi per la cura della barba con panni caldi, tagli di capelli in stile, senza trascurare i dettagli, ma soprattutto creando un’atmosfera che coccolasse i “MASCULI“, liberi di dedicare del tempo alla cura della propria persona, come si faceva una volta.
Un luogo che avrebbe dovuto far fare un tuffo nel passato, strizzando l’occhio alla modernità. Sicché ho preso in affitto un fondo artigianale tutto da ristrutturare e ovviamente da arredare. Logicamente non ero così conosciuto e non avevo un passato come nella mia città, quindi non potevo permettermi di sbagliare.

La scelta Sen Martin

Allora, senza pensarci tanto, mi sono rivolto a Pierluigi Favia, che seguivo tramite i social, e che avevo avuto il piacere di conoscere personalmente al Cosmoprof di Bologna 2016 presso il suo stand.
Pierluigi ha capito ben presto tutta la passione e l ‘esperienza che avevo dentro e ha creduto subito in me.
Così, nonostante la distanza, grazie all’intervento dell’architetto Massimo Mastrapasqua, che con grande professionalità comunicava con il mio Architetto di Arezzo Rino Cappelletti e le mie Maestranze, il 28 agosto, in collaborazione con Sen Martin, si realizza il mio sogno:

nasce “Il Barbiere di Sicilia“.

I 3 ingredienti del barbiere di successo

Per aver successo mi sono bastati tre ingredienti:

  1. Silvia, mia moglie che ha creduto in me e nel mio mestiere;
  2. L’arte che abbiamo nelle nostre mani, nessuna tecnologia può sostituirla;
  3. Rivolgersi a veri professionisti del settore come ho fatto io : ho scelto Sen Martin.

Spero che questa mia esperienza possa aiutare colleghi, giovani e meno giovani a non rinunciare ai propri sogni poiché la consapevole caparbietà, e il credere in sè stessi e nelle proprie capacità, sono di certo la spinta che non deve mancare a chi, come me, decide di fare IL SALTO nella propria vita.”

“Fai del tuo lavoro un capolavoro”

Pierluigi Favia.

P.S. Se ti è piaciuto questo post, ti chiedo di condividerlo con i tuoi colleghi, ma sopratutto ti chiedo di scrivermi un tuo commento, una tua esperienza che vorresti condividere con me o semplicemente il tuo punto di vista su questa storia.

Pierluigi Favia

Autore:

Pierluigi Favia
fondatore Sen Martin

Co-Autore:

Roberto Infantino
Barber

FACEBOOK PER BARBIERI: Perchè pochi amici vedono i post che pubblico sulla mia pagina?

by Antonio Sagliano |19 dicembre 2016 |612 Comments | Marketing del barbiere

Voglio condividere con te una domanda che mi sono posto tantissime volte, e probabilmente anche a te sarà capitato di pensarci.
Sono certo che qui troverai alcune risposte interessanti.

“La visibilità delle pagine Facebook è diminuita rispetto al passato.”

Sempre meno “fan” vedono i tuoi post su Facebook. Attualmente solo il 6% dei tuoi fan vede i post che pubblichi e questa percentuale potrebbe scendere ancora perché Facebook dà priorità a contenuti pubblicati dai profili personali, e questi contenuti vanno a nascondere i post pubblicati dalle pagine.
Inoltre sempre più attività commerciali adesso hanno la loro pagina, per cui c’è una maggiore concorrenza rispetto al passato. Cosa significa?
Facebook si ritrova a “scegliere” quali post mostrare agli utenti, tra centinaia e centinaia che vengono pubblicati.

Qual è la conseguenza?
Che le pagine verranno sempre più penalizzate nella visibilità dei post, anche per far sì che chi le gestisce investa sempre più denaro nelle inserzioni a pagamento.
Vuoi visibilità?
“Mi devi pagare”, risponde Facebook.

Qual è la soluzione?
Se non si vogliono sponsorizzare i post a pagamento (che è sicuramente il miglior metodo per rendere visibili i nostri contenuti) dobbiamo fare molta attenzione a pubblicare post di alta qualità e di valore, per fare in modo che suscitino interesse e interazione da parte dei nostri fan.
Facebook desidera che gli utenti siano soddisfatti. E se i nostri post saranno interessanti saranno premiati anche nella visibilità.
Vi spiego meglio.

L’algoritmo di Facebook

Facebook lavora con un algoritmo che prende in esame le ultime 50 interazioni fatte dall’utente e decide di mostrargli con priorità i contenuti derivanti da quelle connessioni. Se tra queste c’è la vostra pagina, questa sarà premiata.
Inoltre, nei primi minuti di pubblicazione di un post, Facebook valuta l’interesse verso il post da parte dei primi utenti che lo visualizzano. Se questo è buono, il post di conseguenza verrà visualizzato a molte più persone. Se invece è negativo, la visibilità viene ridotta.

“Più i nostri fan interagiscono con il nostro post, in termini di “mi piace”, commenti e condivisioni, più il post pubblicato sarà mostrato ad altri utenti.”

Questo ti fa capire quanto è importante creare post interessanti, che facciano interagire i nostri “fan”.

Come fare per creare contenuti interessanti?

Creare immagini di alta qualità

Le immagini generano sempre più interazioni.
Le immagini dovranno quindi suscitare emozioni, e la condivisione di stati d’animo è sempre apprezzata.
Vedo spesso tantissime foto di tagli. Vanno bene, ma fate attenzione a non essere ripetitivi e noiosi. Quando pubblicate pensate sempre ai vostri clienti.

Le vostre foto parlano di voi, quindi prestate attenzione a quando scattate la foto di un taglio:

  1. Spazzate il pavimento;
  2. Pulite bene il vostro cliente dai residui di capelli;
  3. Scegliete uno sfondo neutro, se possibile, o quantomeno cercate di mettere in ordine il locale;
  4. Se ci sono rossori sulla nuca o aspettate che passi il rossore o non fate la foto;
  5. Se il cliente ha particolari forme di acne o brufoli accentuati, evitate di fare foto con primi piani. Ricordate che parliamo sempre di stile e immagine, quindi facciamo davvero in modo di presentarci ai nostri clienti o potenziali clienti nel modo migliore che possiamo;

Ricordiamoci inoltre che non esistono solo foto di tagli.
Le bacheche delle vostre pagine e profili sono invase di foto monotematiche di tagli.
Non sto dicendo di non farle, ma prestiamo anche attenzione a postare foto che raccontino la quotidianità del nostro locale.
Facciamo vivere ai nostri clienti e potenziali clienti le emozioni del nostro ambiente in termini di immagine, di servizi offerti, del piacevole momento dell’accoglienza, dell’attesa, dei prodotti che offriamo….
Usiamo le foto per attrarre e per far vivere un’esperienza a chi ci conosce e a chi vorrebbe essere servito da noi!

Creare video

I video  raggiungono più visualizzazioni, ma generalmente creano minori interazioni.
Per spiegarvi meglio quanto sia importante creare video di qualità vi invitiamo a guardare questo:

I nostri clienti che hanno acquistato da noi questo servizio hanno avuto la possibilità di parlare a centinaia di potenziali clienti facendogli percepire la loro professionalità, i servizi offerti e l’emozione che provano all’interno del proprio locale.
Questo ti darà la possibilità di mostrarti nel modo giusto e di attrarre una clientela in target.

Per vedere tutte le nostre realizzazioni e i relativi video, clicca qui.

“Fai del tuo locale un capolavoro”

Pierluigi Favia.

P.S. Se ti è piaciuto questo post, ti chiedo di condividerlo con i tuoi colleghi, ma sopratutto ti chiedo di scrivermi un tuo commento, una tua esperienza che vorresti condividere con me o semplicemente il tuo punto di vista su questo argomento.

Pierluigi Favia

Autore:

Pierluigi Favia
fondatore Sen Martin

La storia di Giuseppe Di Viesti e il suo Chapeau Barber Shop

by Antonio Sagliano |16 dicembre 2016 |4 Comments | Storie di barbieri vincenti

Oggi vi racconto l’incredibile storia di successo di un ragazzo di soli 23 anni che ha deciso di dare una svolta alla sua vita e di investire tutti i suoi sogni e le sue aspettative in un futuro solido e prosperoso.
Il suo nome è Giuseppe Di Viesti, e da soli pochi mesi ha aperto un nuovo Barber Shop a Santeramo in colle in provincia di Bari.

La storia di Giuseppe

Il suo percorso è stato lungo e ricco di soddisfazioni e grandi sofferenze che lo hanno portato oggi ad essere l’uomo che ha scelto di diventare.
Ha iniziato a lavorare a soli 15 anni come garzone nella barberia di paese. Da lì ha appreso le nozioni più importanti sul lavoro e sul come diventare un uomo.
Il suo maestro gli ha mostrato e gli ha fatto conoscere i movimenti, gli attrezzi, i rituali e l’amore incondizionato per questo lavoro. I profumi della barberia gli sono sempre rimasti come un ricordo indelebile sempre presente nella sua mente.

“Solo dopo più di 2 lunghissimi anni di pulizie, imparando con lo sguardo e con l’ascolto, ho avuto la possibilità di iniziare a prender le forbici in mano per provare l’emozione del mio primo taglio, e da quel momento ho capito che questo è stato il dono più prezioso che io abbia mai potuto ricevere”
Giuseppe Di Viesti

Giuseppe ha subito deciso di iniziare a frequentare una scuola per formarsi a livello professionale e immediatamente ha avuto l’opportunità di iniziare a lavorare in un secondo barbiere con clientela più giovane dove ha avuto la possibilità di esprimere la sua arte e quelle che erano le sue emozioni più profonde per questo lavoro!
Finita la scuola nella quale ha acquisito basi importanti sul mondo dell’acconciatura, ha preso una decisione drastica, forse la più difficile, ma sicuramente la più importante.

“Avevo bisogno di qualcosa di forte, di qualcosa che potesse realmente trasformare la mia vita, avevo bisogno di imparare a conoscere il mio mestiere da un altro punto di vista. Così ho deciso di lasciare il mio lavoro, la mia città, la mia nazione.
Mi sono trasferito in Austria dove ho trascorso 2 anni incredibili. Inizialmente ho vissuto grandi situazioni di disagio, ma il mio spirito di adattamento, la mia determinazione mi hanno portato in breve tempo a fare in modo che questa potesse diventare la più significativa esperienza della mia vita.
Sin da subito sono stato accolto, pur non conoscendo la lingua tedesca, in un parrucchiere uomo-donna dove ho avuto modo di conoscere e tirar fuori il mio talento, e per questo ringrazierò sempre i titolari che hanno creduto in me.
Diciamo la verità!
Sono stato agevolato molto dal fatto che ero italiano e dal fatto che chi gestiva questa attività era innamorato dello stile, dell’arte e dalla tradizione del barbierato italiano.

Qui ho appreso e sviluppato un approccio perfetto con il cliente.
Non conoscendo la lingua, ho dovuto spesso sforzarmi a mantenere il focus puntato sull’attenzione nei confronti del cliente, capire le sue reali esigenze, capire lo sguardo, la gestualità e a il linguaggio del corpo, che a volte vale più di mille parole.
Ho imparato ad ascoltare e non a PARLARE.
Sforzarmi ad ascoltare ogni singola parola del cliente, mi ha aiutato oggi a comprendere quanto è straordinariamente importante ASCOLTARE con tutto me stesso il cliente.
Questo è un punto fondamentale per chi vuole davvero fare la differenza in questo settore.

La domanda che cominciavo spesso a pormi era:
Sto crescendo anche senza corsi di aggiornamento? mi basta davvero quell’unica scuola fatta tempo fa’?

Ho scelto di fare questa esperienza per crescere sotto tutti i punti di vista. Qui ero cresciuto molto, ma non mi bastava, sapevo che una formazione continua e costante era importante per la mia crescita professionale.
In questo salone avevo tutto, ma mancava la formazione, facevo quello che sapevo fare e non ero supportato da nuovi metodi o tecniche di lavoro.
Sprofondai per mesi nell’incertezza di dover lasciare tutto quello creato, ma non mi sentivo ancora pronto per rientrare nel mio paese.
Un mio collega mi consigliò un’accademia molto prestigiosa a Roma dove mi avrebbero potuto dare una formazione molto più approfondita.
Accettai con molta incertezza il consiglio, ma la voglia di continuare ad imparare mi ha portato a prendere ancora una volta una decisione determinante: trasferirmi a Roma.

A Roma ho trascorso un altro anno della mia vita, e forte di questa nuova esperienza formativa ho deciso di rientrare nel mio paese, con una voglia grandiosa di mettermi ancora una volta in gioco.
Con l’aiuto della mia famiglia e con i risparmi accumulati in questi anni di lavoro ho deciso di aprire un barberia in stile tradizionale Italiano, nella quale poter offrire un’immagine esclusiva, servizi, trattamenti e prodotti dedicati alla cura dell’uomo.

La scelta Sen Martin

La scelta dell’arredo Sen Martin ha contribuito a realizzare un ambiente moderno e innovativo unito ad un gusto classico e di alta qualità assicurando un risultato sorprendente: non un semplice luogo dove lavorare, ma un luogo di pura emozione.
Ho voluto creare quello che ancora non c’era e quello che probabilmente sarebbe diventato il punto di riferimento di ogni uomo.

Oggi, senza falsa modestia, posso dire a gran voce che in pochissimi mesi la mia attività è davvero stata percepita come la più prestigiosa nella mia città, questo mi stimola e mi fa assumere la responsabilità di prendermi cura con tutto me stesso di ogni singolo cliente, di superare ogni sua aspettativa e di impegnarmi a confrontarmi e condividere le mie esperienze con i miei colleghi e a frequentare SEMPRE corsi di formazione, perchè sento davvero la necessità di voler sempre imparare, conoscere e crescere.

In questo percorso ringrazio profondamente la Sen Martin che mi ha seguito in ogni fase della mia crescita, dall’idea progettuale, alla realizzazione e alla formazione.

Sarei onorato di potervi ospitare nel nel mio nuovissimo Barber Shop Chapeau Barber Shop, Via Omero, 4, Santeramo in Colle

Per guardare tutte le foto del Chapeau Barber Shop clicca qui.

Fai del tuo lavoro un Capolavoro.

Pierluigi Favia.

P.S. Se ti è piaciuto questo post, ti chiedo di condividerlo con i tuoi colleghi, ma sopratutto ti chiedo di scrivermi un tuo commento, una tua esperienza che vorresti condividere con me o semplicemente il tuo punto di vista su questa storia.

Pierluigi Favia

Autore:

Pierluigi Favia
fondatore Sen Martin

Co-Autore:

Giuseppe Di Viesti
Barber

Perché i Barbieri Vincenti focalizzano il loro marketing solo sui clienti in Target?

by Antonio Sagliano |12 dicembre 2016 |198 Comments | Marketing del barbiere

Perché è importante fin da subito iniziare a focalizzare la tua attenzione sui potenziali clienti in Target?
Semplicemente perché si possono ottenere grandissimi risultati!

Questo è uno dei lavori più difficili e forse il più lungo, ma ti assicuro che è il metodo più efficace per iniziare a lavorare SOLO con i clienti con i quali desideri lavorare, o meglio con i clienti che sono pronti ad acquistare i tuoi servizi, i tuoi trattamenti, i tuoi prodotti.

Se hai scelto di differenziarti dalla concorrenza, di migliorare i tuoi servizi, di lavorare con professionalità e con un’alta qualità, dovrai essere in grado di attrarre la giusta clientela.
Se pubblicizzi i tuoi servizi ad una clientela che non è interessata alla qualità e alla professionalità, ma ricerca solo il prezzo basso, cosa potrai ottenere?

1. Pubblicità errata
2. Investimento errato
3. Clientela non interessata
4. Perdita di tempo

In questo caso specifico, attrarre la giusta clientela NON vuol dire attrarre clienti con sconti, prezzi bassi, volantini promozionali o fesserie del genere, ma vuol dire attrarre clienti in base:

1. ai servizi che offri
2. alla tua professionalità
3. al fascino della tua immagine
4. al tuo modo di comunicare
5. al grado di soddisfazione dei tuoi clienti.

Prima di andare avanti mi piacerebbe approfondire l’ultimo punto: “grado di soddisfazione dei tuoi clienti” o meglio ancora “MASSIMA CURA DEL CLIENTE”.
Si! siamo d’accordo! tutto quello che ci siamo detti è molto bello, ma, prima di tutto,  bisogna cominciare ad impegnarci e a fare veramente il meglio per il cliente, e dargli veramente tutto quello che gli serve: grande soddisfazione, grande esperienza, massima assistenza.

Questo è estremamente importante perché avrai le prime testimonianze reali che supporteranno il tuo marketing.

Una volta chiarito questo punto mi piacerebbe darti qualche spunto sul quale potrai iniziare a lavorare subito per attrarre nuovi clienti in target.
Ma prima voglio farti un esempio reale e concreto.

Sai chi sono e cosa faccio, vero?
Se ancora non mi conosci, mi presento: sono Pierluigi Favia, fondatore della Sen Martin.

L’azienda Sen Martin ha stravolto in Italia il concetto di arredamento per Barber Shop, a tal punto di diventare in pochissimo tempo la prima e la più prestigiosa azienda di arredamento in Italia.

Bene!
Cosa voglio dirvi con questo?
Che per ottenere tutto questo successo, non ci sono volute nè bacchette magiche, nè fortuna, ma solo il giusto metodo per individuare la mia giusta clientela.

Pensi che la mia azienda sia diversa dalla tua?
Pensi che gestire un’azienda sia diverso da gestire un Barbiere?
Cosa è un Barbiere?
Un artigiano!
Solo un artigiano o anche un imprenditore?
Solo un imprenditore o anche un venditore?
Solo un venditore o anche un comunicatore?

Tanta roba vero?
Non preoccuparti, è tutto molto semplice, più semplice di quello che si può immaginare!

Ti faccio un paio di  domande:
Abbiamo detto che con l’azienda Sen Martin vendo arredi ai barbieri, ma secondo te a tutti i barbieri?

No!!!

Secondo te la mia azienda ha avuto questo enorme successo perché vendo a tutti o perchè ho scelto di lavorare solo con i clienti in target?
A me interessano SOLO i clienti in target!

Ho scelto il mio target di clienti e ho scelto di lavorare solo con una nicchia ben precisa di clienti:

1. gli appassionati di uno stile ben preciso
2. chi vuol fare davvero la differenza
3. chi desidera avere un locale prestigioso
4. chi desidera avere un’immagine alta e di qualità.

“Se vuoi piacere a tutti, potrai correre il rischio di non piacere a nessuno.”

Ti invito a fare questo piccolo esercizio ORA:
Scrivi su un foglio di carta 4 caratteristiche che devono avere i clienti con cui desideri lavorare.
Bene!
Questo è il target dei tuoi potenziali clienti.

1. Definisci una strategia di comunicazione da utilizzare per coinvolgere questa clientela.
2. Definisci la strategia pubblicitaria per arrivare “SOLO” a questi clienti.
3. Sii in equilibrio tra quello che comunichi e quello che offri, e punta a superare le aspettative di questi potenziali clienti.

“Scegli il tuo target di clienti, diventa il loro miglior punto di riferimento, e solo così potrai diventare un’autorità nel settore.”

Il tuo obiettivo deve essere sempre quello di SEMINARE e di attrarre clienti idonei ai tuoi servizi.
Devi essere una persona che coltiva il terreno che gli altri non stanno coltivando.
Questo è un modo che ti dà la possibilità, nell’arco di 3, 4, 5, 6, 7, 8 mesi, di cambiare la tua fascia di clienti in modo sostanziale.

Nel prossimo articolo vedremo come utilizzare Facebook, i video, le newsletter e tantissimi altri metodi che abbiamo a disposizione per attrarre e comunicare ai nostri potenziali clienti in target.

Fai del tuo lavoro un Capolavoro.

Pierluigi Favia.

P.S. Se ti è piaciuto questo post, ti chiedo di condividerlo con i tuoi colleghi, ma sopratutto ti chiedo di scrivermi un tuo commento, una tua esperienza che vorresti condividere con me o semplicemente il tuo punto di vista su questo argomento.

Pierluigi Favia

Autore:

Pierluigi Favia
fondatore Sen Martin